Il Faenza Rugby è battuto dal Fano Rugby, restando al secondo posto in classifica dietro un Macerata che allunga il distacco (+ 7 punti). I padroni di casa sanno che la partita è importante per la salvezza e partono col piede giusto, senza timori reverenziali contro un Faenza ben organizzato ma con diverse assenze. AL 23’ vanno in vantaggio i marchigiani con una meta trasformata, a cui rispondono i Leoni con una meta di Serrao, trasformata da Sancisi. Al 35’ sono ancora i faentini a portarsi in vantaggio con una punizione di Sancisi (7-10). Il Fano non demorde ed allo scadere sorpassa  gli ospiti grazie ad una meta (12-10). Nella ripresa, i faentini attaccano in più occasioni ma la difesa dei Fanesi si dimostra arcigna, ed i padroni di casa si assicurano la partita grazie a due mete (24-10), a cui il Faenza rugby reagisce con una meta di Di Bari in conclusione del match che rende meno amaro il punteggio finale (24-15). “E’ stata una partita dura” commenta il coach Eddy Venturi “Siamo partiti con una formazione d’emergenza, senza cambi nei primi cinque uomini e nel secondo tempo abbiamo subito molto in mischia, facendo mancare buoni palloni ai tre quarti e commettendo qualche errore in fase di realizzazione. Risultato comunque giusto, il Fano ha fatto la sua partita fino alla “morte” e meritato di vincere. Adesso noi dobbiamo concentrarci sulla partita di domenica prossima in casa contro il Ravenna Rfc, molto importante ai fini della classifica.” Negli altri incontri del girone da segnalare la sconfitta del Ravenna rfc ad Ancona (33-7), che permette ai marchigiani di continuare a sperare nella salvezza, e la vittoria netta del Macerata sul Castel San Pietro Terme (74-3), che permette ai marchigiani di salvarsi matematicamente e condanna gli emiliani alla retrocessione. Domenica 14 aprile i Leoni torneranno in campo alla Graziola nel derby contro il Ravenna Rfc, un match sempre molto sentito dalle due formazioni e che quest’anno coincide con il Memorial “Jek e Baga”, l’omaggio che la società faentina da alcuni anni tributa a Giacomo Grassi e Gabriele Bartolozzi, due giocatori che troppo presto hanno passato la palla. Il programma prevede la mattina un concentramento di minirugby a partire dalle ore 10.00, ma anche giochi per bambini che si avvicinano al rugby per la prima volta, mentre alle 15.30 andrà in scena il derby del Lamone.

Faenza rugby: Sancisi, Serrao (Verità), Zbereanu, Venturi, Bertini (Kone), Racis, Drei F. (Cafaggi), Falco, Cornacchia (Zoli), Vassura, Morini, Drei M., Casalini, Di Bari, Dal Pozzo,  A disposizione: Carrari, Satalino, Benini, allenatore Venturi.

Serie C1, play out salvezza, classifica dopo 7 giornata

Macerata 30

Faenza 23

Fano 20

Ravenna 18

Ancona 10

Castel San Pietro 3

(a cura di R.M.)

Commenti